Rubrica Psiche e Cultura

Immaginare i disturbi del carattere

Immaginare i disturbi del carattere

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “TRE CARATTERI. NARCISISTA, BORDERLINE, MANIACO-DEPRESSIVO” di Christopher Bollas

L’opera, di recente pubblicazione, che presentiamo oggi è un testo breve ma denso di contenuti basato su alcune conferenze cliniche di Christopher Bollas, tenutesi tra il 1991 e il 2010, che avevano come oggetto il lavoro sui disturbi del carattere.

Il materiale proposto può essere affrontato sia come un compendio divulgativo (in quanto scorrevole) che come un manuale che semina spunti da approfondire con ripetute letture.

Christopher Bollas si concentra, come suggerisce il titolo, sui caratteri narcisista, borderline e maniaco-depressivo (decidendo in questo ultimo caso di mantenere la terminologia che ha preceduto il concetto di “bipolarismo”) per tracciarne dei contorni, che non pretendono di essere esaustivi, bensì utili a comprendere come in ciascun disturbo del carattere vi sia una “intelligenza” ricorrente; una volta svelata, si può lavorare con pazienza affinché non sacrifichi più né il Sé né le relazioni.

Note per una piacevole sopravvivenza

Note per una piacevole sopravvivenza

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “COME SOPRAVVIVERE DA PSICOTERAPEUTA.” di Nina Coltart

L’opera che presentiamo oggi è di Nina Coltart, psicoterapeuta e saggista britannica, psicoanalista appartenente al Middle Group; un testo che ha visto la luce per la prima volta nel 1993, recentemente ristampato per Mimesis Edizioni (2022).

Possiamo annoverarlo in quel genere di pubblicazioni di cui – nell’ambito della psicologia e della psicoterapia – si sente ogni tanto il bisogno. Tra la formazione pratica e il costante aggiornamento delle nostre conoscenze, animati collettivamente da uno sforzo sempre più evidente di apparire scientificamente adeguati e muniti di dispositivi oggettivi, non dovremmo mai trascurare di lucidare il vero “strumento” attraverso cui lavoriamo: noi stessi. Sebbene ci rifacciamo a specifici manuali, lenti teoriche, tecniche o metodi di conduzione, chi maneggia tutto questo sapere resta sempre la soggettività del professionista, con la sua umanità. Questo libro ci ricorda che preoccuparci della nostra “sopravvivenza” e salute a tutto tondo è importante per adempiere ai propositi che ci poniamo.

L’accezione con cui l’autrice utilizza questo termine, “sopravvivere”, è pertanto specifica: a dispetto dell’uso che ne facciamo di solito, cioè intendendolo come l’agire di chi per lo più stenta a vivere o di chi vive in condizioni limite, la Coltart crede che “sia legittimo servirsi dell’idea di sopravvivenza per esprimere un concetto più allegro, quello di un’esperienza positiva composta in gran parte di gioia e creatività” (p.21, nel testo).

Tenere a mente il mondo

Tenere a mente il mondo

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “Mindscapes. Psiche nel paesaggio.” di Vittorio Lingiardi

In questa opera Vittorio Lingiardi ci propone una passeggiata tra paesaggi concreti e letterari aventi il potere di descrivere e rappresentare non solo degli “stati d’animo” umani, ma vere e proprie geografie interiori. Innanzitutto, parte dal presupposto che gli “ambienti non umani” (espressione che riprende da Searles) presenti nella vita di tutti i giorni, nell’abitare come nel viaggiare, nei ricordi, nei sogni, nelle fantasie, nell’arte, hanno anch’essi significati psicologici importanti per l’esistenza degli individui.

Il paesaggio, in questo testo, è approcciato come creatore e disvelatore della nostra identità, e posto a cavallo tra mondo interno dell’osservatore e mondo esterno naturale/artificiale; le geografie dei luoghi ci colpiscono e ci trattengono presso di loro in quanto riverberano di immagini, ricordi, fantasie e oggetti interni proiettati, ma hanno una loro identità che trascende la nostra e che ci spalanca, per così dire, verso quanto è impersonale.

Il paesaggio è quindi “una scoperta, un’invenzione e un ritrovamento.” (p.17 del testo)

Le giuste domande per esistere ed agire

Le giuste domande per esistere ed agire

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “Corpi viventi. Pensare e agire contro la catastrofe” di Miguel Benasayag e Bastien Cany

In Italia è stato pubblicato nel 2022 il nuovo testo dello psicoanalista e filosofo Miguel Benasayag, già noto per numerosi altri saggi – tra cui “L'epoca delle passioni tristi” e “Funzionare o esistere?”.
Ogni epoca ha le sue idee di disastro, e così anche noi conosciamo bene le nostre minacce sanitarie o demografiche, ambientali ed economiche. Sappiamo bene, ad esempio – anche dati alla mano – che dal punto di vista ecologico stiamo attraversando anni che saranno decisivi per gestire una crisi delle risorse del pianeta; sappiamo quali sono i rischi e quali saranno le conseguenze se non interveniamo.
Sappiamo.

La psiche tra etica ed estetica

La psiche tra etica ed estetica

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “Giustizia e bellezza” di Luigi Zoja.

Il testo di Zoja che presentiamo oggi è una piccola introduzione psicologica, storica e sociologica al rapporto tra etica ed estetica, la cui importanza non si arresta alle discipline che ancora prettamente se ne occupano. A giudizio dell’autore la relazione che intercorre tra questi due enormi temi ha molto da dire della condizione psicologica e sociale dell’uomo moderno.

Un elogio all’imperfezione

Dare un senso al ritiro sociale

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “Il mito della perfezione. Fragilità e bellezza nei disturbi del comportamento alimentare” di Elena Riva

In questo testo, attraverso l’esempio offerto da personaggi femminili noti in ambito storico, artistico, letterario, politico, scientifico e umano, Elena Riva si occupa di inquadrare i disturbi alimentari sotto la lente unificatrice di alcuni “miti”; tra questi – come suggerisce il titolo – quello della perfezione. Il termine mito è in inteso come lo utilizza Gustavo Pietropolli Charmet, riferendosi “alla sostanza affettiva che cementa le scelte automatiche imposte dal carattere” (p.212 nel testo).

Dare un senso al ritiro sociale

Dare un senso al ritiro sociale

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “Hikikomori. Ritirati ma non troppo.” a cura di Magda Di Renzo e Pamela D’Oria.

Hikikomori è un termine di origine giapponese (da hiku, “tirare indietro” e komoru, “ritirarsi”) che fa riferimento ad un fenomeno clinico-sociale che nasce appunto nel paese del Sol Levante e coinvolge soprattutto giovani e adolescenti maschi (in proporzione di 3:1 rispetto alle ragazze), ma che negli ultimi anni ha visto una fioritura di casi anche in Occidente.

La dimensione sociale della violenza di genere

La dimensione sociale della violenza di genere

PRESENTAZIONE DELLA RIVISTA: Psicologia sociale. Teoria e ricerca in psicologia sociale.

La Rivista che presentiamo questa settimana è “Psicologia Sociale”, edita da Il Mulino, e si occupa di divulgare, assieme all’analisi di strumenti utili al lavoro dello psicologo, studi e appunti di ricerca psico-sociale. Sono di appannaggio della rivista temi sociali specifici o problemi di rilevanza collettiva, sia in ambito nazionale che internazionale. La rivista si occupa sia di psicologia sociale in senso stretto, sia di comunità, lavoro e ambiente più in generale.

La pubblicazione della rivista ha cadenza quadrimestrale, e ad agosto è uscito il secondo volume del 2022 (in lingua inglese) avente come oggetto dei suoi articoli la violenza di genere, mentre il numero precedente conteneva contributi più disparati.

Narciso tra specchi e caleidoscopi

Narciso tra specchi e caleidoscopi

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “Arcipelago N. Variazioni sul narcisismo” di Vittorio Lingiardi.

Da quando la parola “narcisismo” è entrata nel linguaggio comune – come accade “a tutte le parole magnetiche, che anche così sanciscono la loro pregnanza” (p.106 del testo) – è nata una certa confusione sul tema che contribuisce a dividere il mondo relazionale in vittime empatiche e carnefici narcisisti. Perciò mai come adesso si pone la necessità di “disambiguare” questo concetto.

Cosa che devo dire Lingiardi fa egregiamente.

Il primo passo da compiere è quello che ci porta fuori da una visione convenzionale del narcisismo, che prevede una descrizione unica – di solito coincidente con il disturbo narcisistico di personalità – quando invece questo territorio dove “il piacere di piacersi e di piacere si trasforma in sofferenza” assomiglia più ad un “arcipelago di possibilità” (p.VII).

Quando il corpo “non c’è”

Quando il corpo “non c’è”

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “Corpo dematerializzato e corpo sottile. La psicoterapia on-line e il costellarsi dell’immaginario.”

Noi terapeuti, oltre ad essere il luogo del contenimento e della rielaborazione delle dinamiche, diventiamo, nelle sedute on-line, anche la stanza d’analisi, siamo noi che la materializziamo con il nostro immaginario, che ricostruiamo il luogo oltreché il senso. E questo non è facile

Marini, 2022

La Pandemia da Covid-19 ci ha costretti in un primo momento davanti alla necessità pratica di spostare on-line gran parte delle attività lavorative e così anche i servizi psicologici-psicoterapeutici. In questo modo le cosiddette sedute on-line sono divenute una consuetudine, facendoci accantonare per un momento l’annosa questione della loro natura. Tuttavia ancora oggi – e soprattutto oggi che hanno subito un impulso così massiccio e una diffusione così marcata – ci si domanda quanto siano “efficaci”, quanto siano “equivalenti” o se siano un’altra cosa ancora, rispetto alla terapia tradizionale a studio.
In merito a questa domanda il testo che oggi vi presentiamo (brevissimo e godibilissimo) non pretende di dare una risposta definitiva – non si pone come compendio definitivo “pro” o “contro” – ma offre una prospettiva che considera sia i lati negativi (per poterli innanzitutto gestire) sia quelli positivi di un percorso avviato o proseguito on-line.
Particolarmente sensato risulta il presupposto da cui l’autrice parte, cioè che “di fronte a ogni nuovo evento, scoperta scientifica o tecnologica dovremmo attivare la nostra coscienza critica, confrontarci personalmente e utilizzare le nostre categorie per includere il nuovo, declinandolo nelle mille sfaccettature che la nostra umanità ci suggerisce” (Marini, 2022).

  • 1
  • 2

L'Aquila: Via delle Tre Spighe 1
Recapiti: 0862.401022 | 3314001208
LUN-VEN: 10.00-12.00 | MAR: 15.00-17.00
segreteria@ordinepsicologiabruzzo.it
Pescara: Via Lungaterno Sud
Recapiti: 085 446 2930
MAR: 10.00-12.00 | GIO: 14.30-16.30
segreteriape@ordinepsicologiabruzzo.it
Partita iva 92012470677